sito delle CHIESE EVANGELICHE ELVETICA, METODISTA e VALDESE di TRIESTE e DIASPORA
Per ulteriori informazioni chiama lo 040 632770

Un pensiero dalla predicazione su Genesi 32,23 – 33,4 tenuta a San Silvestro domenica 2 giugno 2013

QUI trovate il testo completo della predicazione e QUI l’elenco dei Sermoni

Giacobbe: “l’imbroglione”; Israele: “colui che lotta con Dio e per il quale Dio lotta”. I nomi nella Bibbia sono importanti, e non sono mai a caso: hanno sempre un significato ben preciso, ed esprimono la verità più profonda di coloro che li portano.

Voi avete presentato Jessica al battesimo,l’avete presentata all’incontro con Dio. Certo, diversamente da Giacobbe, Jessica non ha bisogno di uscire da quest’incontro con un nome nuovo. Va benissimo il suo, un bellissimo nome che deriva dall’ebraico Yiskah e significa “Colei che guarda con attenzione, colei che contempla”.

Ma se Jessica allora resta “Jessica”, se il suo nome oggi non cambia, questo non vuol dire che oggi per lei non sia cambiato nulla. Dio ha preso sul serio il fatto che voi oggi abbiate portato vostra figlia davanti a lui, e l’ha accolta, l’ha fatta sua e s’è fatto lui il suo Dio, e d’ora in poi non la mollerà più! D’ora in poi, Jessica avrà sempre a che fare con Dio!

La sua vita sarà un po’ come il quadro di Rembrandt. Dio la stringerà fra le sue braccia, e sarà il calore di un abbraccio, e sarà la tempesta di una lotta!

Forse verranno anche dei momenti in cui Jessica questa stretta non la sopporterà più, e allora griderà “Mollami!” a Dio… La fede è anche questo…

Ma per fortuna, Dio non la ascolterà, e non allenterà la sua presa. Sì, “per fortuna”. Perché poi verranno anche i momenti in cui Jessica si renderà conto con stupore e gratitudine che in quella stretta c’è tutta la sua vita, la sua felicità… il senso del suo esistere… Si renderà conto che, grazie a quel Dio “angelico”, che sorride e non la molla, la sua vita avrà sempre un futuro, un avvenire in cui poter sperare…

Voi oggi avete fatto a vostra figlia un dono meraviglioso. Dopo averla messa al mondo, e così averle donato il suo presente: quella dolcissima e insieme potente esplosione di vita che Jessica oggi è… perché è vita che sboccia, che fiorisce… portandola qui al cospetto di Dio, le donate, in questo nostro tempo orfano di futuro soprattutto per i nostri figlie e figlie, un avvenire e una speranza.

Perché questo è il senso dell’abbraccio, e della sua sfida, e della lotta che d’ora in poi dovrà sostenere con Dio: proprio così, proprio in quest’abbraccio e in questa sfida e in questa lotta, Jessica scoprirà che c’è un progetto per lei, di più, che lei stessa è un progetto: il progetto di quel Dio che la tiene serrata fra le braccia e non la lascerà, e porterà a compimento il suo progetto che si chiama Jessica.

E allora, negli anni che verranno, proprio avvinghiata a Dio, se mai dovesse perdersi, ritroverà se stessa… proprio avvinghiata a lui, troverà la sua pace e la sua gioia. “Contemplerà” se stessa nel sorriso dell’angelo divino e farà a sua volta della sua esistenza un lungo, limpido sorriso…

Sarà insomma, davvero “Jessica”: “Colei che guarda con attenzione”, perché guardata, dall’inizio alla fine della vita, dal Dio che è e sarà sempre la sua lotta e insieme (sembra strano ma è proprio così) la sua pace.

                                                                                                                     R. M.

Scrivi un commento

Per pubblicare un commento devi primaautenticarti.

Chiesa Elvetica e Valdese

Piazza S. Silvestro 1
34121 Trieste
tel. e fax 040632770
chiesaelveticavaldese@gmail.com

Chiesa Metodista

Scala dei Giganti 1
34122 Trieste
tel. e fax 040 630892
chiesametodistatrieste@virgilio.it

Past. Ruggero Marchetti

Via G. Brunner 8
34125 Trieste
tel. 040 3480366
uff. 040 2415915
rmarchetti@chiesavaldese.org