sito delle CHIESE EVANGELICHE ELVETICA, METODISTA e VALDESE di TRIESTE e DIASPORA
Per ulteriori informazioni chiama lo 040 632770

In sintesi il Convegno Schweitzer: La donna nel Nuovo Testamento e nelle Chiese

La donna nel Nuovo Testamento e nelle Chiese ha costituito l’argomento del XVIII convegno teologico del Centro Studi Albert Schweitzer, svoltosi nei giorni 8 e 9 novembre, organizzato da Dario Fiorensoli il quale, con la presidente del Centro Anna Illy, ne ha avviato i lavori. L’introduzione di Dea Moscarda ha poi evidenziato la grande attualità di una tematica, che interessa tutte le Chiese, per la presenza di numerose donne che studiano, insegnano e fanno ricerca teologica, anche se il loro status rimane diverso da quello degli uomini perché le Chiese, nel corso dei secoli fino ai nostri giorni non le hanno apprezzate debitamente, anzi le hanno pesantemente discriminate.

Nella basilica di s. Silvestro Paolo Ricca venerdì 8 novembre ha guardato, nella sua relazione,  alle donne insieme a Gesù nei vangeli, mettendo in rilievo l’enorme debito storico delle Chiese non solo verso le donne ma verso il messaggio stesso, che in una società patriarcale le ha volute con pari dignità nella comunità cristiana e nel mondo; istanza questa ignorata già dalla fine del I secolo dalla Chiesa strutturata. Lidia Maggi, parlando delle donne nella Chiesa ieri e oggi, partendo dall’episodio della donna legata in Luca 13, slegata e liberata da Cristo, ha puntato il dito verso una società e una Chiesa patriarcali, che continuano a mantenere legata la donna in vario modo. Sui movimenti femministi e la loro influenza sulle chiese cristiane si è soffermata Elisabeth Green, presentando l’impegno dei coraggiosi movimenti di diritti civili e ecclesiali delle donne nell’800, che hanno portato alla prima e fondamentale ondata femminista di fine e inizio secolo.

Il giorno successivo nella sede della comunità luterana Gianfranco Hofer ha affrontato alcuni nodi cruciali non ancora risolti, quali patriarcato e sessualità, spaziando dal tardo antico ai mutamenti della chiesa occidentale del 1000, alla Riforma protestante, alla rivendicazione dei diritti civili con l’illuminismo e il suo influsso sulle chiese, per concludere con la seconda ontata femminista degli anni ’50 del Novecento. Dieter Kampen si è soffermato sul ruolo della teologia femminista nelle Chiese, sviluppatasi come risposta ad un innegabile malessere, descrivendo alcuni suoi aspetti nel pluralismo teologico odierno. Stella Morra ha concluso le relazioni con uno sguardo al futuro, sottolineando l’aspetto di parzialità di ogni persona e di ogni Chiesa, che indica il limite, di fronte ad una Verità che possiede chi a lei si apre e che da nessuno è posseduta.

La discussione, approfondendo i molteplici aspetti di una problematica viva, tra cui quello di poter portare ad una miglior comprensione del messaggio cristiano, ha sottolineato il valore nella società e nelle chiese dei movimenti femministi, che storicamente hanno scardinato una situazione di subalternità della donna, movimenti da non dimenticare per le intuizioni e le conquiste raggiunte. Anche oggi, in una contemporaneità temporale di situazioni nelle religioni e società in una gamma di diversità abissali e grandi sofferenze, il messaggio evangelico di liberazione della donna ha bisogno di essere ancora fatto proprio e sostenuto dalla Chiese, molto segnate dal predominio maschile.

DEA MOSCARDA

Scrivi un commento

Per pubblicare un commento devi primaautenticarti.

Chiesa Elvetica e Valdese

Piazza S. Silvestro 1
34121 Trieste
tel. e fax 040632770
chiesaelveticavaldese@gmail.com

Chiesa Metodista

Scala dei Giganti 1
34122 Trieste
tel. e fax 040 630892
chiesametodistatrieste@virgilio.it

Past. Ruggero Marchetti

Via G. Brunner 8
34125 Trieste
tel. 040 3480366
uff. 040 2415915
rmarchetti@chiesavaldese.org