sito delle CHIESE EVANGELICHE ELVETICA, METODISTA e VALDESE di TRIESTE e DIASPORA
Per ulteriori informazioni chiama lo 040 632770

Archivio di aprile 2014

Domenica 11 maggio Festa annuale della Comunità Elvetica.

Il Culto unificato di riconoscenza alle ore 10.30 in s. Silvestro-Cristo Salvatore, nella festa annuale della Comunità evangelica di Confessione Elvetica elvetica al quale sono invitate tutte le chiese evangeliche cittadine, intende sottolineare con gratitudine il significato della presenza a Trieste  della Comunità Elvetica, con il suo specifico  contributo di esperienza cristiana riformata in città. Seguirà nei locali adiacenti un rinfresco organizzato dalle sorelle dell’Unione femminile elvetico-valdese, a cui tutti i presenti al Culto sono invitati.  

Leggi tutto

Luca 24, 13-35. Testo biblico e predicazione tenuta durante il culto della domenica 27 aprile 2014 in San Silvestro-Cristo Salvatore

  Luca 24 , 13 – 35 Due di loro se ne andavano in quello stesso giorno a un villaggio di nome Emmaus, distante da Gerusalemme sessanta stadi; e parlavano tra di loro di tutte le cose che erano accadute. Mentre discorrevano e discutevano insieme, Gesù stesso si avvicinò e cominciò a camminare con loro. Ma i loro occhi erano impediti a tal punto che non lo riconoscevano. Egli domandò loro: “Di che discorrete fra di voi lungo il cammino?” Ed essi si fermarono tutti tristi. Uno dei due, che si chiamava Cleopa, gli rispose: “Tu solo, tra i forestieri, stando in Gerusalemme, non hai saputo le cose che vi sono accadute in questi giorni?”. Egli disse loro: “Quali?” Essi gli risposero: “Il fatto di Gesù Nazareno, che era un profeta potente in opere e in parole davanti a Dio e a tutto il popolo; come i capi dei sacerdoti e i nostri magistrati lo hanno fatto condannare a morte e lo hanno crocifisso. Noi speravamo che fosse lui che avrebbe liberato Israele; invece, con tutto ciò, ecco il terzo giorno da quando sono accadute queste cose. È vero che certe donne tra di noi ci hanno fatto stupire; andate […]

Leggi tutto

Un pensiero dalla predicazione su Luca 24, 13-35, tenuta la domenica 27 aprile 2014 in San Silvestro-Cristo Salvatore

QUI trovate il testo completo della predicazione e QUI l’elenco dei Sermoni All’inizio della storia, era stato Gesù a raggiungere i discepoli di Emmaus ed a forzare un po’ la loro compagnia. Adesso sono loro che lo invitano a restare, come se avessero intuito che quell’uomo non è come tutti gli altri, che in lui s’è reso presente qualcosa di vitale… È un invito che arriva all’improvviso, e nelle nostre bibbie, in maniera quasi poetica: “Resta con noi perché la sera viene e il giorno già declina”. È come, insomma, se i due discepoli ora prendano coscienza che quello sconosciuto che ha fatto il primo passo merita una risposta, un contraccambio, anche se lui non ha chiesto niente, e anzi “ha fatto come se volesse proseguire”. Ma qui, per una volta, sono all’altezza della situazione: hanno capito – e noi siamo chiamati a capirlo a nostra volta – che non basta parlare. A volte dobbiamo prendere noi l’iniziativa e “forzare l’altro a restare”. Dobbiamo fargli posto, e che sia il posto di chi “spezza il pane”, il posto dell’invitato d’onore alla tavola della nostra vita. “Riconoscere” l’altro significa allora permettergli di esistere, di uscire da se stesso per entrare ed […]

Leggi tutto

Domenica 4 maggio con il culto preparato dai giovani FGEI inizia la settimana dell’evangelizzazione.

La settimana dell’evangelizzazione voluta dal sinodo delle chiese metodiste e valdesi italiane risponde al problema sempre più urgente dell’annuncio del vangelo nel nostro tempo, caratterizzato dall’invasione dei media dai messaggi più disparati e da una minor presenza del vangelo e del suo messaggio per le donne e gli uomini, spesso esile, confusa e distorta nel bailamme di voci ed interessi che agitano il mondo globale. La scelta comune delle comunità elvetica, valdese e metodista triestine è stata la presentazione alla città della Bibbia di Giovanni Diodati (uscita a Ginevra in due edizioni, nel 1607 e nel 1641), con una mostra che ne presenta l’impegno di tutta una vita per un’impresa, partita da molta fede nella Parola  e con pochi mezzi in condizioni difficilissime. La Bibbia tradotta dalle lingue originali ebraica e greca  ha costituito per 400 anni un continuo riferimento del Libro sacro per la cultura italiana laica,  non solo per le poco numerose chiese protestanti in Italia rispetto  alla preponderanza della chiesa cattolica,  la quale  per due secoli ha proibito ogni traduzione in italiano della Bibbia e comunque ha condannato quella di Diodati mettendola all’indice dei libri proibiti. La fede in una  Parola che è stata ed è evangelizzazione per forza  propria, diretta ad ogni […]

Leggi tutto

Viaggio culturale a Venezia il 7 giugno, organizzato dallo Schweitzer

Venezia e la Riforma protestante, storia e luoghi, dal Cinquecento ad oggi è  il tema del viaggio culturale proposto per il 2014 dal Centro Studi Albert Schweitzer. Come ormai da diversi anni, il Centro Studi sceglie una meta significativa per il protestantesimo, analizzando così storicamente e nell’attualità la presenza protestante passata e presente tra Istria, Croazia, Slovenia, Austria e Veneto, luoghi fortemente interessati dalla Riforma  ai suoi inizi, pur con forti diversità. La scelta di Venezia, per il suo ruolo commerciale di passaggio e la fiorente industria della stamperia nel Cinquecento e oltre, offre l’occasione di conoscere più approfonditamente la presenza e la strategia sia degli aderenti alla Riforma nelle sue diverse forme che della Controriforma, in un ambiente politico e sociale che vede presenti per i traffici  più culture, con una certa autonomia dai poteri forti del tempo – specie Impero e Papato – in una politica altalenante  tra inquisizione, acquiescenze, ribellismi, e alla fine allineamento pressoché totale alla curia romana. Da Trieste raggiungeremo Venezia, partendo alle ore 7.30 da Piazza Oberdan, Punta Sabbioni (Lido del Cavallino) e da lì saremo a Venezia nei pressi di piazza s. Marco con un vaporetto. Il percorso nel centro Città  tra calli, […]

Leggi tutto

Dal 4 maggio cineforum “Tra Oriente e Occidente”, quinta edizione

Dopo il positivo riscontro ottenuto dalle prime quattro edizioni dei cineforum, prende il via la quinta edizione,  “Tra Oriente ed Occidente realizzata dalla Chiesa Valdese e dalla Chiesa Metodista di Trieste, in collaborazione con il Centro Studi Albert Schweitzer. I sei titoli (vedi QUI il programma) sono stati scelti al fine di stimolare il confronto su temi che riguardano l’incontro tra culture diverse, appunto tra Oriente e Occidente, come titola  l’iniziativa quest’anno. Trovate QUI un articolo sul Cineforum. La partecipazione al Cineforum, aperta a tutti quanti fossero  interessati, è gratuita. Tutte le proiezioni avranno luogo presso la Chiesa Metodista di Scala dei Giganti 1 a Trieste, alle ore 17.00. Al termine delle proiezioni sarà possibile partecipare al dibattito.

Leggi tutto

1 Corinzi 15, 12-28. Testo biblico e predicazione tenuta durante il culto della domenica delle Palme 20 aprile 2014 in Scala dei Giganti

  1 Corinzi 15 , 12 – 28 Ora, se si predica che Cristo è stato risuscitato dai morti, come mai alcuni tra voi dicono che non c’è risurrezione dai morti? Ma se non vi è risurrezione dai morti, neppure Cristo è stato risuscitato. E se Cristo non è stato risuscitato, vana dunque è la nostra predicazione e vana pure è la vostra fede. Noi siamo anche trovati falsi testimoni di Dio, poiché abbiamo testimoniato di Dio, che egli ha risuscitato il Cristo, il quale egli non ha risuscitato, se è vero che i morti non risuscitano. Difatti, se i morti non risuscitano, neppure Cristo è stato risuscitato. E se Cristo non è stato risuscitato, vana è la vostra fede, e voi siete ancora nei vostri peccati. Anche quelli che sono morti in Cristo, sono dunque periti. Se abbiamo sperato in Cristo per questa vita soltanto, noi siamo i più miseri fra tutti gli uomini. Ma ora Cristo è stato risuscitato dai morti, primizia di quelli che sono morti. Infatti, poiché per mezzo di un uomo è venuta la morte, così anche per mezzo di un uomo è venuta la risurrezione dei morti. Poiché, come tutti muoiono in Adamo, così […]

Leggi tutto

Un pensiero dalla predicazione su 1 Corinzi 15, 12-28, tenuta la domenica di Pasqua 20 aprile 2014 in Scala dei Giganti

QUI trovate il testo completo della predicazione e QUI l’elenco dei Sermoni Una caratteristica della nostra epoca è la consapevolezza molto chiara – molto più chiara che non nel passato – che l’umanità è “una”. Questa consapevolezza è alimentata da tante cose che il progresso tecnico ci mette a disposizione. Mi vengono alla mente le foto della terra, per certi aspetti persino toccanti, scattate dagli astronauti: ci mostrano il nostro bel pianeta blu sullo sfondo del nero dello spazio, e viene veramente da pensare che su questo corpo così colorato e luminoso che corre nello spazio infinito, abbiamo tutti una sorte comune. Viene da pensare a una comune fragilità condivisa… E vengono anche alla mente le informazioni che lo studio del DNA umano sta dando ai genetisti, che dimostrano che tutti gli esseri umani hanno una stessa origine, fanno parte della stessa famiglia … Se ora questa consapevolezza la applichiamo alla risurrezione, proprio l’unità fondamentale dell’umanità esige che tutti risorgiamo: viviamo insieme e ci salviamo insieme. Noi siamo troppo legati gli uni agli altri perché anche solo uno possa andare perduto. Siamo come un’enorme tela multicolore, che non può rinunciare a un solo filo sotto pena di sfilacciarsi tutta… È […]

Leggi tutto

Mercoledì 30 aprile terzo incontro del ciclo sulla famiglia: Quale “matrimonio tradizionale”? La famiglia nella storia del diritto

Il terzo incontro del ciclo di conferenze del ciclo  sulla famiglia organizzato dal Centro Studi Albert Schweitzer si terrà mercoledì 30 aprile alle ore 17.30 nella basilica di s. Silvestro-Cristo Salvatore. Il titolo: Quale “matrimonio tradizionale? Documenti sul matrimonio tra XIV e XVIII secolo. Relatrice sarà Dea Moscarda, già docente di storia del diritto e di diritto comune all’Università di Trieste. Il processo di regolamentazione del matrimonio, introdotto soprattutto dal Concilio di Trento e portato a compimento dagli stati laici nell’età moderna, condiziona la visione del matrimonio da parte degli storici e della collettività sociale, inducendoli a cercare e proiettare nel e sul passato una omogeneità di forme e una regolarità di percorsi, solo in minima parte riscontrabili. La realtà documentaria pretridentina, nel suo complesso, ci confronta con una molteplicità di scenari, di sequenze, di segni, renitenti ad ogni tentativo di sistemazione. Ci si sposava nella stalla o nell’atrio di casa, in cucina o nell’orto, al pascolo o in una bottega di un fabbro: chi si sposava in chiesa lo sceglieva più come luogo pubblico che sacro. Si arrivava alle nozze dopo lunghe trattative famigliari o di impulso dopo fulminanti, improvvisi innamoramenti o dopo anni di convivenza. Varietà di situazioni che… […]

Leggi tutto

Marco 11, 1-11. Testo biblico e predicazione tenuta durante il culto della domenica delle Palme 13 aprile 2014 in San Silvestro-Cristo Salvatore

  Marco 11 , 1 – 11     Quando furono giunti vicino a Gerusalemme,a Betfage e Betania, presso il monte degli Ulivi, Gesù mandò due dei suoi discepoli, dicendo loro: “Andate nel villaggio che è di fronte a voi. Appena entrati,troverete legato un puledro d’asino, sopra il quale non è montato ancora nessuno; scioglietelo e conducetelo qui da me. Se qualcuno vi dice: – Perché fate questo? -, rispondete: – Il Signore ne ha bisogno, e lo rimanderà subito qua -”.   Essi andarono e trovarono un puledro legato alla porta, fuori, sulla strada, e lo sciolsero. Alcuni tra quelli che erano lì presenti dissero loro: “Che fate? Perché sciogliete il puledro?”. Essi risposero come Gesù aveva detto. E quelli li lasciarono fare.     Essi condussero il puledro a Gesù, gettarono su quello i loro mantelli ed egli vi montò sopra. Molti stendevano sulla via i loro mantelli; ed altri delle fronde che avevano tagliate nei campi.   Coloro che andavano avanti e coloro che venivano dietro gridavano:     “Osanna!   Benedetto colui che viene nel nome del Signore!   Benedetto il regno che viene,   il regno di Davide, nostro padre!   Osanna nei luoghi altissimi!” […]

Leggi tutto

Chiesa Elvetica e Valdese

Piazza S. Silvestro 1
34121 Trieste
tel. e fax 040632770
chiesaelveticavaldese@gmail.com

Chiesa Metodista

Scala dei Giganti 1
34122 Trieste
tel. e fax 040 630892
chiesametodistatrieste@virgilio.it

Past. Ruggero Marchetti

Via G. Brunner 8
34125 Trieste
tel. 040 3480366
uff. 040 2415915
rmarchetti@chiesavaldese.org