sito delle CHIESE EVANGELICHE ELVETICA, METODISTA e VALDESE di TRIESTE e DIASPORA
Per ulteriori informazioni chiama lo 040 632770

Archivio di maggio 2014

Giovanni 6, 1-15. Testo biblico e predicazione tenuta durante il culto della domenica 18 maggio 2014 in San Silvestro-Cristo Salvatore

  Giovanni 6 , 1 – 15 Dopo queste cose Gesù se ne andò all’altra riva del mare di Galilea, cioè il mare di Tiberiade. Una gran folla lo seguiva, perché vedeva i miracoli che egli faceva sugli infermi. Ma Gesù salì sul monte e là si pose a sedere con i suoi discepoli. Or la Pasqua, la festa dei Giudei, era vicina. Gesù dunque, alzati gli occhi e vedendo che una gran folla veniva verso di lui, disse a Filippo: «Dove compreremo del pane perché questa gente abbia da mangiare?». Diceva così per metterlo alla prova; perché sapeva bene quello che stava per fare. Filippo gli rispose: «Duecento denari di pani non bastano perché ciascuno ne riceva un pezzetto». Uno dei suoi discepoli, Andrea, fratello di Simon Pietro, gli disse: «C’è qui un ragazzo che ha cinque pani d’orzo e due pesci; ma che cosa sono per tanta gente?». Gesù disse: «Fateli sedere». C’era molta erba in quel luogo. La gente dunque si sedette, ed erano circa cinquemila uomini. Gesù, quindi, prese i pani e, dopo aver reso grazie, li distribuì alla gente seduta; lo stesso fece dei pesci, quanti ne vollero. Quando furono saziati, disse ai suoi discepoli: […]

Leggi tutto

Un pensiero dalla predicazione su Giovanni 6, 1-15, tenuta la domenica 18 maggio 2014 in San Silvestro-Cristo Salvatore

QUI trovate il testo completo della predicazione e QUI l’elenco dei Sermoni Le differenze che Giovanni introduce nel suo testo rispetto ai racconti di moltiplicazione dei pani e dei pesci degli altri tre vangeli, vanno in una sola direzione: tutto qui è presentato in modo che il segno prodigioso compiuto da Gesù non sia semplicemente il potere straordinario di sfamare tante persone riunite insieme, ma un segno che ci fa guardare a lui, a Gesù, come all’unico assoluto protagonista del racconto, e così ci aiuta a capire sempre più e sempre meglio chi è. Sì, Gesù è davvero il protagonista. E questo sempre, dall’inizio alla fine. Anzitutto, Giovanni apre la sua narrazione dicendoci che “salì sul monte e là si pose a sedere”. Non è una notazione geografica (siamo presso la riva del “mare di Galilea”, e lì, vicino al lago, non ci sono montagne… al massimo qualche piccolo dosso…) ma teologica. Nella Bibbia infatti, dal Sinai in poi, il monte è sempre il luogo della rivelazione di Dio. Qui allora, fin da subito, Giovanni ci vuole far capire che quello che Gesù sta per fare noi lo dobbiamo intendere come un gesto di rivelazione, mediante il quale cogliamo in […]

Leggi tutto

Giovedì 8 maggio inizia il primo ciclo di sei incontri sul Vangeo di Giovanni

Giovanni, il vangelo irriducibile Qualche anno fa uscì un bel cartone animato che parlava di un bambino che, stranamente, aveva cominciato a camminare con le mani anziché con i piedi. Questa “andatura” così particolare gli permetteva di avere un punto di vista originale sul mondo: poteva annusare il profumo dei fiori senza chinarsi, vedere distintamente la varietà e la bellezza dell’erba, incrociare lo sguardo di una farfalla in volo… I suoi genitori però erano preoccupatissimi: il loro piccolo sarebbe stato un disadattato! Perciò fecero intervenire assistenti sociali, medici, psicologi, finché il bambino imparò a camminare, come tutti, sui suoi piedi. Tutti furono fieri, soddisfatti, sollevati. Ma da quel momento il bambino vide il mondo sporco, brutto, inquinato e pieno di persone che fanno sempre quello che ci si aspetta facciano. Il mondo meraviglioso e originale che aveva conosciuto, era andato perduto. Noi dobbiamo essere grati alla Bibbia perché, accanto ai tre vangeli “che camminano sui piedi”, ci ha conservato quello che “cammina sulle mani”. È il vangelo di Giovanni, che possiamo definire “irriducibile”, perché non si lascia “ridurre” al livello degli altri, e ci dà invece una visione originale, “capovolta” di Dio, di Gesù, del mondo intero. In esso infatti Gesù […]

Leggi tutto

Chiesa Elvetica e Valdese

Piazza S. Silvestro 1
34121 Trieste
tel. e fax 040632770
chiesaelveticavaldese@gmail.com

Chiesa Metodista

Scala dei Giganti 1
34122 Trieste
tel. e fax 040 630892
chiesametodistatrieste@virgilio.it

Past. Ruggero Marchetti

Via G. Brunner 8
34125 Trieste
tel. 040 3480366
uff. 040 2415915
rmarchetti@chiesavaldese.org