sito delle CHIESE EVANGELICHE ELVETICA, METODISTA e VALDESE di TRIESTE e DIASPORA
Per ulteriori informazioni chiama lo 040 632770

Archivio di dicembre 2014

Galati 4, 4-5. Testo biblico e predicazione tenuta giovedì 25 dicembre 2014 in San Silvestro-Cristo Salvatore nel culto di Natale

Galati 4 , 4 – 5 Quando giunse la pienezza del tempo, Dio mandò suo Figlio, nato da donna, nato sotto la legge, per riscattare quelli che erano sotto la legge, affinché noi ricevessimo l’adozione a figli. “Quando giunse la pienezza del tempo…”. Chi di noi non sogna che per lui venga il tempo della pienezza della vita, il tempo della piena realizzazione, in cui possa guardare con serena soddisfazione a se stesso e ai suoi cari e dire: “Ecco, ora le cose sono a posto, ed io sto bene”? E chi di noi non vuole che questa pienezza giunga presto? Sì, facciamo sempre tanta fatica ad pazientare finché non sia arrivata per noi“la pienezza del tempo”… finché ogni cosa finalmente si compia, così come vogliamo, così come sogniamo… e questo nella nostra esistenza personale e nella storia umana che si compone sotto i nostri occhi. E poiché quando le cose non funzionano, Dio è il nostro parafulmine, quante volte ci è venuto da dire o abbiamo udito parole come queste: “Ma Dio che cosa fa?”, “Cosa mai aspetta per intervenire, prima che sia troppo tardi?”… È che noi siamo tutti prigionieri del presente, un presente da cui i nostri […]

Leggi tutto

Un pensiero dalla predicazione natalizia su Galati 4, 4-5 tenuta giovedì 25 dicembre 2015 in San Silvestro-Cristo Salvatore

QUI trovate il testo completo della predicazione e QUI l’elenco dei Sermoni Cos’è un cristiano, una cristiana, se non colui che entra in questa impensabile, sconvolgente, reale opera di Dio: “Quando giunse la pienezza del tempo, Dio mandò suo Figlio…”? Che cos’è , se non colui che impara da Gesù a mettersi a sua volta nella situazione degli altri dei quali fa il suo “prossimo”, per fare condividere al suo prossimo la salvezza di Dio, la piena comunione con lui, e la gioia infinita di questa comunione? Ricordate il meraviglioso prologo della Prima lettera di Giovanni, un altro vero evangelo di Natale: “Quel che era dal principio, quel che abbiamo udito, quel che abbiamo visto con i nostri occhi, quel che abbiamo contemplato e che le nostre mani hanno toccato della parola della vita (poiché la vita è stata manifestata e noi l’abbiamo vista e ne rendiamo testimonianza, e vi annunziamo la vita eterna che era presso il Padre e che ci fu manifestata), quel che abbiamo visto e udito, noi lo annunziamo anche a voi, perché voi pure siate in comunione con noi; e la nostra comunione è con il Padre e con il Figlio suo, Gesù Cristo. Queste […]

Leggi tutto

Genesi 2,4b-25 Testo biblico e testo della predicazione tenuta in San Silvestro – Cristo Salvatore domenica 7 dicembre 2014, nel culto unificato della seconda domenica d’Avvento

Genesi 2 , 4 b – 25 Nel giorno che Dio il Signore fece la terra e i cieli, non c’era ancora sulla terra alcun arbusto della campagna. Nessuna erba della campagna era ancora spuntata, perché Dio il Signore non aveva fatto piovere sulla terra, e non c’era alcun uomo per coltivare il suolo; ma un vapore saliva dalla terra e bagnava tutta la superficie del suolo. Dio il Signore formò l’uomo dalla polvere della terra, gli soffiò nelle narici un alito vitale e l’uomo divenne un’anima vivente. Dio il Signore piantò un giardino in Eden, a oriente, e vi pose l’uomo che aveva formato. Dio il Signore fece spuntare dal suolo ogni sorta d’alberi piacevoli a vedersi e buoni per nutrirsi, tra i quali l’albero della vita in mezzo al giardino e l’albero della conoscenza del bene e del male. Un fiume usciva da Eden per irrigare il giardino, e di là si divideva in quattro bracci. Il nome del primo è Pison, ed è quello che circonda tutto il paese di Avila, dove c’è l’oro; e l’oro di quel paese è puro; qui si trovano pure il bdellio e l’ònice. Il nome del secondo fiume è Ghion, ed […]

Leggi tutto

Un pensiero dalla predicazione su Genesi 2, 4b-25, tenuta in San Silvestro – Cristo Salvatore domenica 7 dicembre 2014, nel culto unificato della seconda domenica d’Avvento

QUI trovate il testo completo della predicazione e QUI l’elenco dei Sermoni “Mangia pure da ogni albero del giardino, ma dell’albero della conoscenza del bene e del male non ne mangiare; perché nel giorno che tu ne mangerai, certamente morirai”?… Contrariamente a quello che pensiamo ogni volta che leggiamo queste parole, anch’esse sono un dono che Dio fa a quella sua creatura tanto voluta e infine messa al mondo. Gli regala una piena umanità. È questa infatti la primizia di una legge, la nascita di un’etica. È la condizione che Dio crea perché l’uomo possa coniugare in sé la libertà e la responsabilità. È infatti libero di lavorare il giardino, e è libero di consumare ciò che vuole, di gustare dei frutti di tutti gli alberi che Dio ha piantato lì per lui, salvo di uno, quello che gli ha proibito, ma è proprio quella proibizione che lo rende responsabile davanti a Dio e davanti a se stesso. C’è un limite che non può superare: non può mangiare dell’“albero della conoscenza del bene e del male”. A meno che non si consideri un dio. Noi sappiamo cosa significa “albero della conoscenza del bene e del male”. Sappiamo che in ebraico […]

Leggi tutto

Genesi 1,1-2,4a. Testo biblico e testo della predicazione tenuta in San Silvestro – Cristo Salvatore domenica 30 novembre 2014, nel culto della prima domenica d’Avvento

Genesi 1 , 1 – 2 , 4 a Nel principio Dio creò i cieli e la terra. La terra era informe e vuota, le tenebre coprivano la faccia dell’abisso e lo Spirito di Dio aleggiava sulla superficie delle acque. Dio disse: «Sia luce!» E luce fu. Dio vide che la luce era buona; e Dio separò la luce dalle tenebre. Dio chiamò la luce «giorno» e le tenebre «notte». Fu sera, poi fu mattina: primo giorno. Poi Dio disse: «Vi sia una distesa tra le acque, che separi le acque dalle acque». Dio fece la distesa e separò le acque che erano sotto la distesa dalle acque che erano sopra la distesa. E così fu. Dio chiamò la distesa «cielo». Fu sera, poi fu mattina: secondo giorno. Poi Dio disse: «Le acque che sono sotto il cielo siano raccolte in un unico luogo e appaia l’asciutto». E così fu. Dio chiamò l’asciutto «terra», e chiamò la raccolta delle acque «mari». Dio vide che questo era buono. Poi Dio disse: «Produca la terra della vegetazione, delle erbe che facciano seme e degli alberi fruttiferi che, secondo la loro specie, portino del frutto avente in sé la propria semenza, sulla terra». […]

Leggi tutto

Un pensiero dalla predicazione su Genesi 1,1-2,4a, tenuta in San Silvestro – Cristo Salvatore domenica 30 novembre 2014, nel culto della prima domenica d’Avvento

QUI trovate il testo completo della predicazione e QUI l’elenco dei Sermoni   La creazione non è un unico lontanissimo evento del “passato più passato”, non è archeologia! La parola creatrice del Signore unisce insieme tre fattori: un passato (la materia primordiale che non è né soppressa né rigettata ma come abbiamo visto è invece trasformata), un futuro (il progetto, l’obiettivo indicato dalle parole divine: “Sia luce, e luce fu”), e un presente (la parola che risuona e la risposta che riceve nei fatti). Insomma, attraverso la sua parola “fattiva”, Dio agisce traendo via il presente dal passato, per aprirlo all’avvenire. Così compreso il racconto della Genesi si apre ad una continuità che non ha fine, ci fornisce il modello per capire come il Dio della Bibbia operi in ogni epoca e in ogni circostanza. Non è il Signore dalla calma olimpica, serenamente immerso nella sua stessa beatitudine. No, il nostro Dio è attività incessante, energia sempre all’opera, che oggi come ieri e come nel futuro, rinnova continuamente la creazione ed invita noi, gli esseri umani, a diventare nuove creature. Davvero allora la creazione non è l’evento di un passato così remoto che non aveva neanche un suo passato, ma […]

Leggi tutto

Chiesa Elvetica e Valdese

Piazza S. Silvestro 1
34121 Trieste
tel. e fax 040632770
chiesaelveticavaldese@gmail.com

Chiesa Metodista

Scala dei Giganti 1
34122 Trieste
tel. e fax 040 630892
chiesametodistatrieste@virgilio.it

Past. Ruggero Marchetti

Via G. Brunner 8
34125 Trieste
tel. 040 3480366
uff. 040 2415915
rmarchetti@chiesavaldese.org