sito delle CHIESE EVANGELICHE ELVETICA, METODISTA e VALDESE di TRIESTE e DIASPORA
Per ulteriori informazioni chiama lo 040 632770

Quarto incontro del ciclo sulla libertà, su Carlo Michelstaetter, relatore il Pastore Ruggero Marchetti

Venerdì 24 alle ore 18 il Pastore Ruggero Marchetti traccerà un profilo di Carlo Michelstaetter, filosofo e poeta goriziano, morto suicida a 23 anni nel 1910.

Io so che parlo perché parlo ma che non persuaderò nessuno...” o Dell’impossibile libertà di giungere al possesso della propria vita e alla vera comunicazione con gli altri”.

Una sera di ottobre del 1910 si uccideva a Gorizia con un colpo di rivoltella alla tempia Carlo Michelstaetter, un giovane brillante studente universitario di 23 anni di origine ebraica.

Aveva appena terminato la tesi di laurea “La persuasione e la rettorica “  destinata a diventare uno dei testi filosofici più significativi della cultura italiana della prima metà del Novecento. Partendo dall’esame di questi due concetti in Platone e Aristotele, Michelstaetter  dà loro un significato peculiare: la “persuasione”  è il tentativo, sempre reso vano dall’irrimediabile manchevolezza della vita, di possedere sé stessi, la “rettorica” è l’insieme linguaggio, di convenzioni, istituzioni, che serve a occultare l’impossibilità di arrivare alla persuasione.

Michelstaetter non ha lasciato alcuna spiegazione  del suo suicidio. Forse l’impossibilità di comprendere i suoi genitori, cui era molto legato; e forse anche la consapevolezza filosofico-esistenziale che se (come ha scritto) “Persuaso è chi ha in sé la sua vita,”  non sarebbe mai arrivato a quell’avere e allora, meglio la morte che non un “esistenza-non-esistenza”, perché sempre inutilmente protesa a una pienezza di essere e di vita sognata e mai raggiungibile.

La vita di Carlo Michelstaetter, che qualcuno ha definito di un’ “incauta rapidità” , e la sua opera pongono con forza il problema del linguaggio, meglio, dell’afasia, cioè dell’impossibilità di un’autentica comunicazione fra gli esseri umani. E’ la frase che apre che apre la “Persuasione e la rettorica“,  che è anche il titolo della conferenza,: “Io so che parlo perché parlo ma che non persuaderò nessuno...”; se non ho la mia vita e in definitiva non possiedo me stesso, come posso pensare e sperare di comunicarmi all’altro attraverso le mie parole?  E’ la tragedia dell’incomunicabilità che pensiamo sia tipica del nostro tempo postmoderno, e che invece Michelstaetter aveva già intuito e vissuto più di un secolo fa…

I commenti sono stati disabilitati.

Chiesa Elvetica e Valdese

Piazza S. Silvestro 1
34121 Trieste
tel. e fax 040632770
chiesaelveticavaldese@gmail.com

Chiesa Metodista

Scala dei Giganti 1
34122 Trieste
tel. e fax 040 630892
chiesametodistatrieste@virgilio.it

Past. Dieter Kampen

Via dell'Eremo 191/1
34142 Trieste
cell. 348 096 7797
dkampen@chiesavaldese.org